lunedì, 16 dicembre 2019

Il glioblastoma (GBM) è un tumore cerebrale di alto grado caratterizzato da una prognosi infausta, spesso con una sopravvivenza al di sotto dei due anni. L’eziologia e la patogenesi del GBM non sono ancora chiare. Il GBM è il tumore più comune tra le neoplasie della glia, rappresentando il 53,8% di tutti i gliomi. Tra tutti i tumori umani è uno di quelli con maggiore mortalità. Nonostante il trattamento aggressivo al momento della diagnosi, che consiste nella rimozione chirurgica seguita da radiazioni con concomitante e successiva chemioterapia adiuvante con temozolomide, il tumore si ripresenta costantemente o progredisce, con una sopravvivenza mediana di 14,6 mesi dei pazienti. Queste caratteristiche rendono il GBM il tumore più aggressivo e letale di tutti i tumori umani.

La progressione glioblastoma è difficile da collegare alla “Cancer Time Line” classica perché questo tipo di tumore non passa attraverso graduali fasi di progressione, essendo già aggressivo fin dall’esordio. Abbiamo quindi individuato vari progetti che cercano di rispettare gli obiettivi del nostro quadro strategico scientifico.

Prevenzione e diagnosi precoce

Progetto “Multiregion sequencing of glioblastoma samples to reconstruct phylogenetic branched evolution of tumor growth”.
Personale FPS coinvolto: Sara Franceschi, Prospero Civita, Francesca Lessi, Michele Menicagli, Chiara M Mazzanti, Paolo Aretini.
Collaboratori Esterni: Francesco Pasqualetti (U.O. Radiologia AOUP), Valerio Ortenzi (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Cristian Scatena (U.O. Anatomia patologica AOUP), Giuseppe A Naccarato (U.O. Anatomia Patologica AOUP).

Miglioramento della diagnosi e della prognosi

Progetto “Spatial whole transcriptome analysis of tumor microenvironment in patients with primary glioblastoma”.
Personale FPS coinvolto: Prospero Civita, Sara Franceschi, Chiara M Mazzanti, Francesca Lessi, Michele Menicagli.
Collaboratori Esterni: Francesco Pasqualetti (U.O. Radiologia AOUP), Valerio Ortenzi (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Cristian Scatena (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Giuseppe A Naccarato (U.O. Anatomia Patologica AOUP).

Nuove terapie

FPS Grant “Optical metabolic imaging (OMI) of glioblastoma patient derived organoids to assess treatment response and disease progression”
PI: Chiara Maria Mazzanti
Il glioblastoma è una malattia devastante che, nonostante tutte le informazioni molecolari finora raccolte, la sua gestione ottimale rimane sfuggente. Clinicamente e nello sviluppo di farmaci preclinici, c'è bisogno di strumenti di imaging funzionale, non invasivi e ad alta risoluzione per monitorare e prevedere l'efficacia del farmaco. Il metabolismo cellulare è particolarmente sensibile agli interventi molecolari a monte e, pertanto, può essere un potente biomarcatore di risposta precoce del farmaco. Qui eseguiamo l'imaging metabolico di organoidi derivati da glioblastoma umano primario per valutare la risposta terapeutica e la progressione della malattia.
Persone coinvolte:
FPS: Sara Franceschi, Serena Barachini, Giovanni Signore, Francesca Lessi
Universita’ di Pisa/NEST: Ranieri Bizzarri
Azienda Ospedaliera Pisa e Livorno: Francesco Pasqualetti, Fabio Di Martino, Riccardo Vannozzi, Orazio Santonocito, Antonio Giuseppe Naccarato
Collaboratori esterni :  Paul Mulholland, Diego Ottaviani (University College of London, UK), Geoff Pilkington, Prospero Civita (University of Portsmouth,UK)

Progetto “Mitochondrial enzyme GLUD2 plays a role in glioblastoma progression”.
Personale FPS coinvolto: Sara Franceschi, Chiara M Mazzanti, Francesco Pasqualetti Francesca Lessi, Michele Menicagli, Liam McDonnell, Maria Laura Dilillo, Davide Pellegrini.
Collaboratori Esterni: Francesco Pasqualetti (U.O. Radiologia AOUP), Valerio Ortenzi (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Cristian Scatena (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Giuseppe A Naccarato (U.O. Anatomia Patologica AOUP), Michela Ori (Universita’ di Pisa).

Progetto “A Rho GTPase-activating protein reduces tumor growth and spares neuron structure and function”.
Personale FPS coinvolto: Liam McDonnell
Collaboratori Esterni: Eleonora Vannini, Francesco Olimpico, Silvia Middei, Martine Ammassari-Teule, Erik L. de Graaf, Gudula Schmidt, Alessia Fabbri, Carla Fiorentini, Laura Baroncelli, Mario Costa, Matteo Caleo